Parte 1                   Parte 2                     Parte 3

 

Quando TOMMY  fu pubblicato,ricevette un'accoglienza piuttosto tiepida da parte di pubblico e critica;nelle esibizioni dal vivo però ebbe da subito grande spazio ed anche per i molti anni a seguire,Tommy sarà sempre un punto fermo degli Who "live".La grande consacrazione di Tommy è avvenuta nell'agosto del 1969 durante il memorabile WOODSTOCK MUSIC FESTIVAL;immortalato nel celebre film-documentario,Tommy ebbe modo di farsi conoscere ed apprezzare in breve tempo in tutto il mondo.Il lavoro venne immediatamente proposto a molte compagnie,che adattarono l'opera in un contesto teatrale;Nel frattempo Pete era impegnato nella registrazione di alcuni demo ed a sperimentare un nuovo strumento musicale acquistato pochi mesi prima,un sintetizzatore Arp;prima della realizzazione del progetto seguente gli Who registrarono un album live presso l'università di Leeds,il disco,LIVE AT LEEDS,di pregevole fattura entrerà di fatto tra i migliori album live mai pubblicati.Nel frattempo Kit aveva preso accordi con la UNIVERSAL STUDIOS per la realizzazione di una pellicola,nelle speranze dei produttori della Universal,ispirata a Tommy;Pete invece propose un suo nuovo progetto LIFEHOUSE,un romanzo fantascientifico circa la realtà virtuale con un ragazzo protagonista che riscopre la musica rock.Il progetto,vago e realizzato male finì presto per naufragare,quando gli Who si riunirono per registrare i pezzi scritti da Townshend per Lifehouse,questi finirono in un nuovo album: WHO'S NEXT;da molti riconosciuto come il miglior album mai realizzato dagli Who,conteneva brani che sarebbero entrati nell'olimpo del rock: BABA O'RILEY,BEHIND BLUES EYES e WON'T GET FOOLED AGAIN quest'ultima destinata a diventare la canzone di chiusura della band in tutta la loro carriera.Con l'accrescersi della fama,ricominciarono i vecchi diverbi,tra l'altro mai sopiti,di non voler essere il veicolo per le canzoni di Townshend,John fu il primo a lanciare sul mercato un album solista:"Smash Your Head Against The Wall",realizzato in tutta fretta prima di Who's next,Townshend continuerà a registrare album solisti per tutti gli anni '70.Anche Roger comincia la sua cariera solista dopo aver costruito uno studio di registrazione nel suo granaio,e pubblica l'album "Daltrey",dopo la pubblicazione Roger procederà a delle indagini nei confronti di Kit Lambert e Chris Stamp scoprendo molti illeciti finanziari compiuti ai loro danni.Pete nel frattempo aveva iniziato il lavoro per la nuova opera rock degli Who:sarebbe stata la storia degli Who e più in particolare di un loro fan chiamato Jimmy,un mod fan degli High Numbers nel 1964.QUADROPHENIA ebbe molti problemi in fase di remixaggio,doveva essere mixata dal nuovo sistema quadrofonico a quattro canali,ma la tecnologia era troppo inadeguata,così remixato tradizionalmente in stereo il suono ricco e potente tendeva a coprire la voce,con grande costernazione di Roger.In aggiunta a questo,poco prima che prendesse via il tour,Keith fu lasciato dalla moglie che gli portò via anche la figlia,Moon entrò in una profonda crisi depressiva che lo portò ad abusare di alcoolici e farmaci d'ogni genere;durante il primo Show del tour americano di S. Francisco Keith accuserà un malore nel bel mezzo del concerto  e verrà sostituito con estrema gioia da Scott Halpin,uno spettatore.Al ritorno a Londra la Universal,avendo accantonato il primitivo progetto di Pete,iniziò la realizzazione di Tommy per il grande schermo,la produzione fu tolta al truffaldino Kit Lambert ed affidata ad un famoso produttore cinematografico inglese,Ken Russell.Questi decise la partecipazione di grandi nomi della musica e dello spettacolo quali Elton John,Eric Clapton,Tina Turner,Ann-Margaret e Jack Nicholson.Il lavoro risultò nel suo insieme molto piacevole e riportò Roger nel ruolo di leader del gruppo,avendo all'interno del film il ruolo di protagonista;Pete invece accusò un grave esaurimento nervoso che lo portò ad abusare di sostanze alcooliche.Durante il concerto al Madison Square Garden di New York del 1974 si cominciò a notare un certo distacco e mancanza di entusiasmo da parte di Pete,confermato dal successivo album: "THE WHO BY NUMBERS",un ritratto scuro ed amaro dello stato d'animo di Townshend;inoltre l'album fu preceduto da roventi polemiche alimentate dalla stampa inglese su presunte liti e polemiche tra Roger e Pete.Il tour che è seguito nel 1975 e 1976 fu sicuramente più riuscito dell'album,ma saltò all'occhio il tiepido entusiasmo dal pubblico per i pezzi nuovi e il grande entusiasmo per i pezzi storici della band.Durante lo stesso tour Pete avvertì problemi ad un orecchio,causati dallo stress eccessivo a cui veniva sottoposto,visitato da un medico questi gli intimò di interrompere il tour per non rischiare la sordità.Nel 1976 cessarono i concerti dal vivo,nel 1977 gli Who si liberarono definitivamente dei loro vecchi manager Lambert e Stamp.L'album successivo sarebbe stato WHO ARE YOU,dopo circa due anni di assenza dagli studi di registrazione l'attività della band ricominciò a crescere;era prevista insieme all'uscita dell'album anche la produzione di un film riguardante la storia degli Who che sarebbe dovuto essere realizzato agli Shepperton Studios.Tuttavia,al rientro di Keith dall'America,questi versava in condizioni piuttosto critiche:si era ingrassato,era diventato un alcoolista e di aspetto si era invecchiato molto,tant'è che dimistrava dieci anni di più della sua vera età.Gli Who completarono album e film nel 1978 con il concerto allo Shepperton il 25 maggio 1978,tre mesi dopo l'album veniva pubblicato,e venti giorni dopo,il 7 settembre 1978 Keith morì per overdose di farmaci che gli erano stati prescritti contro l'alcolismo.

                  Parte 1                    Parte 2                     Parte 3